Margherita Hack:

La signora che abitava nell’Universo

Quando

10 giugno 2022 ore 21:00

Dove

Villa Arrighi

Prenotazioni

Un racconto per immagini e a due voci, in formato intervista per scoprire Margherita Hack, persona intelligente e mai banale. Un ritratto femminile, complesso e appassionato, uno stimolo e un modello in cui riconoscersi, che ha dato un grande contributo alla scienza. La vita di Margherita Hack, la più nota astrofisica italiana, raccontata ai giovani con la spontaneità, la passione e l’impegno che hanno caratterizzato tutte le sue scelte. L’educazione aperta e tollerante, l’amore per la bicicletta e per la natura, i successi sportivi, gli affetti, la guerra e la dittatura. E poi le prime ricerche, l’affermazione internazionale, l’impegno civile: tanti ricordi, belli, intensi e divertenti. Margherita, come si faceva chiamare da tutti, senza grandi titoli davanti al nome, è stata una donna capace di trasmettere alla gente tutta la sua grande passione per l’astrofisica. Scrivendo la tesi comincia a occuparsi della spettroscopia delle stelle, campo di studi interno all’astronomia che continuerà a studiare, insieme alla radioastronomia, per tutta la vita.

Durante l'incontro Dario Moretti realizzerà un dipinto ispirato alla narrazione dei relatori e che verrà proiettato in diretta.

La diretta

Relatori

  • Caterina Boccato è tecnologa presso l'INAF - Osservatorio Astronomico di Padova dal 2000. Dal 2005 al 2011 ha lavorato per l'Ufficio Comunicazione INAF curando gli aspetti scientifici e divulgativi. Dal 2012 è anche coordinatrice delle attività di divulgazione, comunicazione e didattica dell'INAF Osservatorio di Padova.

  • Francesca Matteucci laureata in Fisica presso l’Università la Sapienza di Roma ne 1976 oggi è professoressa associata all'Università di Trieste dove insegna Fisica Stellare. Si occupa di studiare l'evoluzione chimica delle galassie, ovvero lo studio di come si sono formate ed evolute nel tempo le abbondanze chimiche dei principali elementi. È un’esperta di livello mondiale di archeologia galattica, ovvero della ricostruzione della storia di formazione ed evoluzione delle galassie a partire dallo studio delle abbondanze chimiche osservate nelle stelle e nel gas delle galassie stesse.

  • Paolo Molaro è Astronomo Ordinario all’Osservatorio Astronomico di Trieste-INAF di cui è stato anche direttore. Si è laureato con Margherita Hack nel 1981 e né ha seguito le orme dedicandosi alla spettroscopia di stelle e galassie e firmando oltre 450 lavori scientifici.

Dario Moretti ha fondato nel 1978 il Teatro all'improvviso, compagnia di teatro per l'infanzia, con la quale ha realizzato numerosi spettacoli. Oltre all'attività teatrale, Moretti ha dedicato molto del suo lavoro anche all'arte per l'infanzia, producendo percorsi con numerose istallazioni artistiche appositamente pensare i bambini. Negli ultimi vent’anni ha inoltre scritto, illustrato e pubblicare 22 libri per l'infanzia, che prendono spesso spunto dalle storie rappresentate nel suo teatro. Nel 2017 a Dario Moretti è stato assegnato il Premio Ciampi “L’ altrarte” per il suo impegno nel campo delle arti, che spaziano dal teatro, alla scultura e alla pittura.